Rettore

Mons. Ferruccio Lucio Bonomo

 

mons-ferruccio-lucio-bonomo-dal-2006_articleimage

Nato a Casale sul Sile il 20 agosto 1949, mons. Bonomo è stato ordinato sacerdote il 19 giugno 1977 e inviato come Vicario parrocchiale presso la parrocchia di San Martino di Lupari fino ad agosto del 1979 quando viene nominato educatore nella Comunità Giovanile del Seminario Diocesano (1979-1986).

Dal 1986 al 1993 ha svolto l’incarico di assistente diocesano per il settore adulti di Azione Cattolica Italiana. Nel 1986 è stato anche nominato Vice Direttore e successivamente Direttore dell’ Ufficio Catechistico diocesano (1986-2001). Nello stesso periodo ha conseguito la Licenza in liturgia a Padova  presso l’ILP – S. Giustina (01 gennaio 1990). Successivamente ha ottenuto il dottorato in Teologia con specializzazione liturgico-pastorale alla Facoltà teologica Sant’Anselmo di Roma (14 marzo 1992). È stato insegnante di religione al Collegio Vescovile Pio X dal 1979 al 1996 e Direttore spirituale dal 1993 al 1996, anno in cui viene nominato parroco di Cendon di Silea, parrocchia che ha retto fino al 31 dicembre 2000 quando ha assunto l’incarico di Vicario episcopale per il coordinamento della pastorale (2001-2006). Dal 2004 al 2011 è stato arciprete della parrocchia di sant’Ambrogio di Fiera.

Dal 1994 è docente di Liturgia presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Treviso e Vittorio Veneto e dal 2012 all’Istituto Superiore di Scienze Religiose. Dal febbraio 2006 è direttore del Settimanale diocesano La Vita del Popolo, dell’Editrice san Liberale e dell’Ufficio Diocesano per le Comunicazioni sociali. Nel 2011 diventa Canonico effettivo del Capitolo della Cattedrale e, sempre nello stesso anno, viene di nuovo nominato Vicario episcopale per il Coordinamento della Pastorale, incarico che lascia nel 2014 per assumere l’ufficio di direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Treviso-Vittorio Veneto (2014-2017), di Rettore del Collegio Vescovile Pio X e di Presidente della fondazione “Opera missionaria della carità”.